02. Monographs on Alexander, 2.02 Life, Alexander - Non Fiction Book, Alexander's Alexandria

Recensione Libro: “Alessandro Magno” by Georges Radet

Da oltre duemila anni la leggenda di Alessandro Magno affascina il mondo: la sua figura è stata raccontata e analizzata da poeti e storici sin dall’antichità. E proprio la fusione dei due generi (storico e romanzesco) è il punto di partenza di quest’affascinante biografia in cui la solidità scientifica dello storico di professione si unisce al gusto della narrazione secondo una metodologia particolare adottata da Radet: rivedere il passato con gli occhi degli uomini di allora.

Una lettura coinvolgente, un vero classico della storiografia, arricchito da una introduzione critica di Marina Polacco.

4 stelle.

letto dal 23 al 27 maggio 2018.

Radet narrando le avventure del grande condottiero macedone smette i panni dello storico e diventa un ammiratore di Alessandro. Alcuni eventi sono trattati in modo molto marginale o addirittura tralasciati, mentre vengono riportate delle curiosità o degli eventi ritenuti non certi ma l’autore ci avvisa e lo fa in modo molto preciso e cercando sempre di essere il più oggettivo possibile. Questa è una cosa che ho apprezzato perché nonostante quanto ammiri il condottiero non perde lucidità e mantiene il rigore storico, anche se dal suo modo di scrivere traspare sempre la sua grande passione per questo personaggio.
La sua biografia è ben documentata, infatti si vede che ha studiato i lavori antichi che quelli contemporanei, però oltre ci sono due punti importanti di questa biografia che ricorrono in tutto il libro: paragona sempre il Macedone ad Achille e gran parte di quello che Radet analizza lo riconduce allo spirito dionisiaco oppure apollineo.
Mi è piaciuto molto lo sforzo compiuto da Radet per aiutare il lettore a calarsi in un mondo di più di 2000 anni fa perché è facile giudicare ma bisogna farlo comprendendo la società e la vita di quel tempo.
Una cosa che non mi è piaciuta è che Radet chiama Alessandro in molti modi: l’Argeade, l’erede di Achille, il figlio di Olimpia e altri, ma mai lo definisce figlio di Filippo: sottolinea e spiega molto come Alessandro volesse essere considerato una divinità e tutti gli sforzi che fece per esserlo, quindi credo che l’autore l’abbia fatto di proposito.

Riporto due citazioni che mi sono piaciute molto:

“Ma i viali del ninfeo di Mieza, ove il giovane discepolo dello Stagirita ci appare come il primo, in ordine di tempo, dei peripatetici, hanno serbato il loro segreto.”

“Vediamo dunque e salutiamo in lui l’alto dono che gli fu proprio: una volontà che seppe asservire la chimera, per incorporarla al reale nell’ebbrezza entusiastica dell’infinito.”

1 pensiero su “Recensione Libro: “Alessandro Magno” by Georges Radet”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.