Arte, Mosaico

Mosaico di Alessandro

Esiste un’opera più celebre del Mosaico della Battaglia di Isso rinvenuto nella casa del Fauno per rappresentare Alessandro? Questo incredibile e magnifico mosaico fu trovato il 24 ottobre 1831 a Pompei e da allora credo che divenne l’opera maggiormente usata nell’iconografia su Alessandro. Mi basta pensare a tutti i libri che ho su Alessandro Magno e la stragrande maggioranza delle copertine usa proprio questo mosaico per ritrarre il grande condottiero. È quindi una gioia per me poter condividere con voi questa bellissima fotografia.

Prima di tutto desidero ringraziare il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il dott. Paolo GIULIERINI, per il suo prezioso aiuto e la dott.ssa Antonella Carlo dell’ufficio comunicazione del MANN.

Tutto il materiale che troverete qui di seguito mi è stato inviato proprio per pubblicarlo qui.


mosaico alessandro 2
Crediti: Giorgio Albano

Il mosaico di Alessandro, che misura 3,17 m x 5,55 m, è stato rinvenuto in uno dei più importanti ambienti di rappresentanza della Casa del Fauno, una delle dimore più ampie e sontuose della città in età sannitica (IV-I sec. a.C). Il mosaico si data al 100 a.C. e la tradizione vuole che sia il rifacimento in pietra di un dipinto di un artista greco di III sec. a.C., Filiosseno di Eretria che aveva riprodotto su tela lo stesso soggetto. Il mosaico realizzato in opus vermiculatum, ossia con tessere di pochissimi millimetri di spessore e con solo quattro colori, il bianco, il nero, il giallo e il rosso, rappresenta simbolicamente lo scontro finale tra Alessandro Magno e il re persiano Dario III Condomanno che batte in ritirata. L’opera intende essere un’apologia dell’intera impresa di Alessandro che per primo tentò di unificare Oriente e Occidente e il fatto che un tale capolavoro, unico al mondo, si ritrovi a Pompei, che era semplicemente una media città di provincia e non certo Roma, può alludere al fatto che il proprietario della casa potesse essere stato un discendente di un personaggio che aveva partecipato alle imprese di Alessandro, immortalandone il ricordo, in segno di onore e di prestigio.

dott.ssa Maria Lucia Giacco (segreteria scientifica del MANN)


In questa nota finale desidero ringraziare ancora una volta i dottori del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la loro disponibilità e soprattutto per avermi dato questa opportunità! Colgo l’occasione anche per lasciarvi qualche recapito del MANN:

Dove: Napoli, Piazza Museo 19

Orari e tariffe

A presto, 

elena-firma-giusta

1 pensiero su “Mosaico di Alessandro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.