Aforismi

Aforismi: Davide Camparsi – Alessandro Nero – I canti di Efestione

Recensione del libro QUI

“La verità, tuttavia, a differenza di quel che si crede, non è mai netta come il filo di una spada. È piuttosto una lama sbrecciata, troppe volte affondata nel metallo e nell’osso delle interpretazioni. Produce ferite dai lembi incerti, spesso mortali. Quantomeno, cicatrici vistose.”

“La leggenda riverbera sulla piana di Ilio, rivive, reincarna. Tutti gli uomini hanno bisogno di qualcosa in cui credere. Se si tratta di un’ispirazione più grande, tanto meglio.”

“È un lento lavoro di gengive sdentate, paziente e determinato come solo il tempo sa essere.”

“La gloria è un sentiero che corteggia la follia, spesso trova la via nel sangue e nel massacro.”

“Le storie in cui crediamo definiscono ciò che siamo.”

“Un uomo deve perdersi per potersi trovare.”

“Non mi importa degli altri, io non sono loro. Io sono Alessandro.”

“Le certezze si alimentano eliminando le possibilità a sfavore – mi risponde Alessandro. – Ogni cosa è battaglia, ma non tutti gli scontri devono o possono essere vinti da una spada.”

“Ogni uomo ha le proprie debolezze. Ogni opera d’uomo risponde a questa stessa verità.”

“A volte, non vi è davvero alcun piacere nello svelare la verità dietro le illusioni. Soprattutto quelle in cui chi ci è caro ripone le sue più profonde speranze.”

“Meschina cosa è l’uomo: troppe volte dobbiamo fare i conti con questa deprimente verità.”

“Nonostante questo, un segreto nascosto è come un figlio deforme che cresca nel buio del proprio grembo. Matura, si agita, scalcia. Mette su denti prima del parto e inizia a divorare colui o colei che ne preserva l’esistenza, da dentro. Un boccone di carne e sangue alla volta. Un segreto non è mai una benedizione, ma un fardello.”

“Tuttavia resta ancora una bestia da domare, prima di potersi accingere all’impresa, temeraria o disperata che sia. Si tratta del mostro buio e serpeggiante che ci ha seguito attraverso queste terre sconosciute, distanti e straniere. La gorgone cieca dalle mille bocche e dalle parole sussurrate, aguzze come spine, pronta a graffiare orecchie e cuori. La potenza il cui occhio rosso ci ha sbirciato sulle rive del Tigri, in attesa. La bestia ammantata di notte, dalle mani fredde, dall’alito ancor più arido, che nulla scalda e che lo spirito raggela. Non abbiamo alcuna possibilità di vittoria, se prima non la sconfiggeremo, o la faremo nostra alleata. Per questo, dopo il tramonto, Alessandro sacrificherà alla Paura.”

“Un uomo ucciso non è più un uomo: solo resti che la terra reclamerà di nuovo a sé. Un uomo sottomesso, invece, è qualcosa su cui è possibile esercitare potere. E il potere dà la sensazione di avere controllo, su di sé ma soprattutto sugli altri. Ricaccia indietro la paura.”

“Le illusioni sono più importanti della verità. Le illusioni cambiano la verità, la soggiogano al proprio volere. La piegano alla fede che ognuno decide di credere. O alla paura cui un uomo sceglie di abbandonarsi.”

“Mentre gli altri valutavano la sconfitta, il mio Re continuava a sognare la propria vittoria.”

“Promesse. Non si dovrebbe mai formularne quando il cuore è troppo colmo di emozione, ma siamo uomini, e siamo vivi: le emozioni ci tradiranno sempre e sempre ne brameremo di nuove. Solo i morti ne sono davvero privi.”

“Siamo guerrieri e siamo giovani e, quel che è peggio, uomini. Sopravvivere alla morte impartita dalla propria spada è un vino che non ci stancheremo mai di bere, per quanti rimpianti possa portare con sé la sobrietà della pace o il vagito di un primogenito.”

“Perché una cosa sola è certa: Alessandro non si tirerà indietro, una volta carezzata l’idea, la sfida.”

“La verità è che tutto muore. Solo il presente esiste. Tutto brucia e si trasforma in cenere. Uomini, città, imperi e Dei. Ogni cosa è effimera. L’occasione va colta quando il frutto è maturo, ogni altra esitazione lo lascerà appassire e poi marcire.”

“Sono i difetti a renderci meno odiosi coloro che disprezziamo, poiché li abbassano al nostro livello. Non le virtù.”

“Mortali. Vi tenete in troppo credito. Credete davvero che ogni futile gesto vi esponga alla nostra considerazione? L’aquila nel cielo si preoccupa forse del topolino che sguscia a terra, in cerca di una sicurezza che è solo illusione? Il temporale si cura di dove cadono le proprie folgori?”

“Callistene desiderava essere un facitore di Eroi, non un supplice di Dei. Un Dio non ha bisogno di nessuno che lo canti. Solo di fede.”

“Non sei ciò che vuoi essere, se non ti comporti come tale.”

“Il futuro è come un fiume che scorre lungo argini incerti: tanto più questi sono solidi, quanto più prevedibile è il suo corso, ma soffiano i monsoni, cade la pioggia e l’acqua tracima, allagando la pianura, travolgendo ogni cosa, scavando un nuovo alveo e una diversa via.”

“Credi che chi annega i propri sogni nell’ignoranza possa condurre una vita migliore di chi ha conquistato il mondo?”

“Tuo figlio è fuoco, Olimpiade. Fino a che troverà di cui bruciare, arderà, ma se tutto è davvero conquistato, con cosa potrà alimentare le proprie fiamme? Avvamperà e poi si spegnerà. Come brace assopirà nella notte che si fa mattino. È questo che teme Alessandro, che lo tormenta.”

“L’unico modo per rendere reali le illusioni, è credervi, anche contro ogni buon senso.”

“Solo i sogni che decidiamo d’inseguire ci distinguono, fanno di noi ciò che siamo.”

“Aneliamo la vita – risponde Alessandro. – Ci nutriamo di sogni, perché ciò significa essere vivi. Ma un sogno muore quando viene realizzato. Nessun sogno compiuto ci darà mai la pace, Dioniso. Per questo abbiamo bisogno di sognarne sempre di nuovi.”

1 pensiero su “Aforismi: Davide Camparsi – Alessandro Nero – I canti di Efestione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.