02. Articles on Alexander, 2.7 Death, Alexander's Alexandria, Article Review

Article review: “Did Alexander the Great Die from Guillain-Barré Syndrome?” by Katherine Hall

ENGLISH – ITALIANO

ENGLISH

First of all, I would like to thank Dr. Hall for her helpfulness and kindness and for sending me the article.

 
In these days ther’s much talk about Alexander the Great. The web is full of comments about the thesis of Dr. Katherine Hall, a researcher at Dunedin School of Medicine at the University of Otago, New Zealand, on the death of the great Macedonian leader. Here I’ll talk about it as much as I can, as I don’t have any medical knowledge but it’s also true that I have read some books on Alexander the Great.

I admit that before reading the article by Dr. Hall I gave a brief look at the books I have about the death of the Macedonian leader, without reading them but going to look for the cause of death according to those authors, and I rediscovered Damiani’s thesis (La piccola morte di Alessandro il Grande, Marsilio) in which he says that Alexander died of an infectious disease and more precisely of abdominal typhus. I have also looked in the Caremani (Un consulto clinico 2000 anni dopo. Patologie e cause della morte di Alessandro Magno, Europa Edizioni) what was his thesis and he believed that pancreatitis of varying severity coupled with acute alcoholic hepatitis caused his death: this would explain the fever, caused by liver disease and abdominal pain due to the suffering of liver and pancreas. Over the centuries, however, the possible causes of death have been many and among the most disparate.

Dr. Hall has published an article in The Ancient History Bulletin that sheds new light on this very famous and mysterious death. I’ll analyze as far as I can what the doctor says.

Alexander remained conscious until shortly before his death and no hypothesis advanced up to now has been fully satisfactory because they all think about explaining the two most common symptoms: fever and abdominal pain. Hall instead states that Alexander may have developed a progressive, symmetrical and ascending paralysis that is the most common symptom of Guillain-Barré syndrome (GBS). Hall argues that this syndrome would also explain why the body of the great leader didn’t decay once dead.

Hall looks at the four main historical sources: Arrian, Plutarch, Diodorus and Curtius.and none unfortunately was contemporary with Alexander. But Hall states that the GBS is the only explanation that makes use of Occam’s Razor, a logical and philosophical principle very dear to medicine because it states that it’s useless to postulate entities to explain a phenomenon when it can be explained with a few solid and simple deductions.

GBS is an autoimmune disorder and Hall explains its variants, but what interests us is  the AMAN variant (acute motor axonal neuropathy) very common in Asia. Alexander could have contracted it in Babylon in today’s Iraq. Hall also explains that this variant is contracted more by men in a ratio of 2:1 on women and it develops around the age of 32 and in late spring or summer: Alexander was a male, thirty-two and died in June.

But what is the GBS cause? Hall believes it’s hard to say because we don’t know if some symptoms weren’t registered because they weren’t present or if they were there and they weren’t recognized or simply registered. So the doctor analyzes many viruses among the causes but she says that Campylobacter is still the most common cause of GBS in the world and is also the most common cause of the AMAN variant. The Hall explains that GBS is a rare complication of Campylobacter infection.

The doctor also reflects on how death was determined in the time of Alexander: the medicine wasn’t as developed today and often the deaths not caused by a trauma weren’t easy to diagnose and also often there were no physicians to determine the death, in fact, the only one who says that Alexander was assisted by some physicians is Diodorus. The GBS would be the cause of a false diagnosis of death or perhaps the most resounding pseudothanatos in history. The young king’s metabolism had reduced his energy needs with paralysis and hypothermia, and this would explain the miraculous preservation of the body: Alexander would have entered in a deep coma but wouldn’t have died immediately as described by everyone.

This diagnosis for the death of Alexander is very elegant because it explains so many different elements and makes them in a coherent whole.

What do I think of this thesis? The explanation that I liked the most was Damiani’s because he didn’t emphasize the habit of the Macedonian general to drink a lot and above all because he excluded the hypothesis of conspiracy and poisoning. Dr. Hall’s explanation I must admit that explains everything that happened in a simple and plausible manner. I emphasize once again that I don’t have any medical knowledge, but according to what I read in the texts and the very detailed analysis with data and statistics by Hall seems to me a logical explanation. Occam’s Razor works perfectly. The question that arises spontaneously is: yes, the medicine wasn’t as developed as nowadays, but despite this it is possible that nobody understood that Alexander was still alive? The ethers, comrades and friends of the king, were so busy in dividing the immense domain from the very beginning they didn’t understand that their charismatic leader was still, in fact, alive? However beautiful and elegant let me say that the GBS’s thesis is chilling.

Have you read this article? What do you think?

Have a good day,


ITALIANO

Prima di tutto vorrei ringraziare la dottoressa Hall per la sua disponibilità e gentilezza e per avermi inviato l’articolo.

In questi giorni si parla molto di Alessandro Magno. Il web è pieno di commenti riguardo alla tesi della dottoressa Katherine Hall, ricercatrice della Dunedin School of Medicine dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, sulla morte del grande condottiero macedone. Qui ne parlerò per quanto mi è possibile, in quanto non ho conoscenze mediche ma è pur vero che qualche libro su Alessandro il Grande l’ho letto.

Ammetto che prima di leggere l’articolo della dottoressa Hall ho dato un breve sguardo ai libri che ho sulla morte del condottiero macedone, senza leggerli ma andando a cercare quale fosse secondo quegli autori la causa della morte, e ho ritrovato la tesi di Damiani (La piccola morte di Alessandro il Grande, Marsilio) in cui afferma che Alessandro morì di una malattia infettiva e più precisamente di tifo addominale. Inoltre ho cercato nel Caremani (Un consulto clinico 2000 anni dopo. Patologie e cause della morte di Alessandro Magno, Europa Edizioni) quale fosse la sua tesi e crede che furono una pancreatite di varia gravità unita ad un’epatite alcolica acuta a causarne la morte: in questo modo si spiegherebbero la febbre, causata dalla malattia epatica e il dolore addominale dovuto dalla sofferenza di fegato e pancreas. Nel corso dei secoli però le cause possibili della morte sono state moltissime e tra le più disparate.

La dottoressa Hall ha pubblicato un articolo in The Ancient History Bulletin che getta nuove luci su questa morte tanto celebre quanto misteriosa. Adesso analizzo per quanto mi è possibile quello che sostiene la dottoressa. 

Alessandro rimase cosciente fino a poco prima della sua morte e nessuna ipotesi avanzata finora è stata pienamente soddisfacente perché tutte pensano a spiegare i due sintomi più comuni: la febbre e il dolore addominale. Hall invece afferma che Alessandro può aver sviluppato una progressiva, simmetrica e ascendente paralisi che è il sintomo più comune della sindrome di Guillain-Barrè (GBS). La Hall sostiene che questa sindrome spiegherebbe anche perché il corpo del grande condottiero non decadde una volta morto.

Hall guarda le quattro fonti storiche principali: Arriano, Plutarco, Diodoro e Curzio Rufo e nessuno purtroppo fu contemporaneo ad Alessandro. Ma la Hall afferma che la GBS è l’unica spiegazione che si avvale del Rasoio di Occam, principio logico e filosofico molto caro alla medicina proprio perché afferma che è inutile postulare entità per spiegare un fenomeno quando si può spiegare con poche solide e semplici deduzioni.

La GBS è un disturbo autoimmune e la Hall spiega quali sono le sue varianti, ma quella che ci interessa è la AMAN (neuropatia assonale motoria acuta) molto diffusa in Asia. Alessandro potrebbe averla contratta a Babilonia nell’odierno Iraq. Hall spiega inoltre che questa variante è contratta più dagli uomini in un rapporto di 2:1 rispetto alle donne e si sviluppa intorno ai 32 anni e nella tarda primavera o in estate: Alessandro era un maschio, trentaduenne e morì a giugno.

Ma da cosa è causata la GBS? Hall ritiene che è difficile dirlo perché non sappiamo se alcuni sintomi non sono stati registrati perché non c’erano o se c’erano e non sono stati riconosciuti o semplicemente registrati. Quindi la dottoressa analizza molti virus tra le cause ma afferma che il Campylobacter è tutt’ora la causa più comune della GBS al mondo ed è inoltre la causa più comune della variante AMAN. La Hall spiega che la GBS è una rara complicazione dell’infezione dal Campylobacter.

La dottoressa riflette inoltre su come veniva determinata la morte al tempo di Alessandro: la medicina non era sviluppata come oggi e spesso le morti non causate da un trauma non erano facili da diagnosticare e inoltre spesso non c’erano dei medici a determinare il decesso, infatti, l’unico che dice che Alessandro fu assistito da dei medici è Diodoro. La GBS sarebbe la causa di una falsa diagnosi di morte o dello pseudothanatos forse più clamoroso della storia. Il metabolismo del giovane re aveva ridotto il suo fabbisogno energetico con la paralisi e l’ipotermia ed ecco che si spiegherebbe la miracolosa conservazione del corpo: Alessandro sarebbe entrato in un coma profondo ma non sarebbe morto nell’immediato come descritto da tutti.

Questa diagnosi per la morte di Alessandro è molto elegante perché spiega così tanti e diversi elementi e li rende in un insieme coerente.

Cosa penso di questa tesi? La spiegazione che più mi piaceva era quella di Damiani perché non poneva l’accento sull’abitudine del generale macedone di bere molto e soprattutto perché escludeva l’ipotesi del complotto e dell’avvelenamento. La spiegazione della dottoressa Hall devo ammettere che spiega in maniera semplice e plausibile tutto quello che avvenne. Sottolineo ancora una volta che non ho conoscenze mediche, ma stando a quanto ho letto nei testi e dall’analisi molto dettagliata con dati e statistiche della dottoressa mi sembra una spiegazione logica. Il Rasoio di Occam qui funziona alla perfezione. La domanda che mi sorge spontanea è: sì, la medicina non era sviluppata come al giorno d’oggi, ma nonostante questo è possibile che nessuno abbia capito che Alessandro era ancora vivo? Gli eteri, compagni e amici del re, erano talmente occupati a spartirsi l’immenso dominio fin da subito che non capirono che il loro capo carismatico era ancora di fatto in vita? Per quanto bella ed elegante permettetemi di dire che la tesi della GBS è agghiacciante.

Avete letto questo articolo? Cosa ne pensate?

Buona giornata,

9 pensieri su “Article review: “Did Alexander the Great Die from Guillain-Barré Syndrome?” by Katherine Hall”

  1. Sono Ernesto Damiani, l’autore de La piccola morte di Alessandro il Grande. La diagnosi in retrospettiva è un settore popolare della Storia della Medicina, che va affrontato in maniera scientifica. Nel caso della morte di Alessandro il Grande, la propensione della maggior parte degli autori è quella di fare cherry picking con le fonti antiche, cioè selezionare quello che fa comodo e assemblare le fonti con il risultato di creare un caso clinico fittizio come se fosse un puzzle. E’ un grave errore metodologico, che nessun scienziato commetterebbe, selezionare le fonti. Diodoro e Giustino riportano fatti che sono dichiaratamente negati da Plutarco e Arriano. Il dolore addominale, così spesso citato (anche dalla Hall che i libri dovrebbe leggerli per intero e non soltanto la recensione perché io non ho mai scritto che la malaria abbia avuto un ruolo nella morte di Alessandro), non è riportato da nessuna fonte. Diodoro e Giustino non menzionano la febbre, che è la caratteristica preminente delle relazioni di Plutarco e Arriano. Anche Diodoro e Giustino differiscono tra di loro. Diodoro non riporta alcuna scansione temporale, mentre Giustino riporta sei giorni, durante i quali, unico tra tutte le fonti, Alessandro tenta il suicidio, opportunamente fermato dalla moglie Rossane. Dunque, le fonti non possono essere mescolate a piacere. Si possono usare separatamente. In questo caso, da Diodoro e da Giustino non si ottiene nulla, perché non ci sono sintomi altrimenti del dolore iniziale. Nelle relazioni di Plutarco e di Arriano, invece, ci sono i due sintomi tipici della febbre tifoide (o tifo addominale, che dir si voglia), la febbre remittente (già descritta da altri e, penso, sufficientemente dimostrata ne La piccola morte) e l’alterazione del sensorio che da il nome alla malattia, tiphus, stupor attonitus, stupore in gergo medico), quest’ultime dimostrata ne L’afonia terminale di Alessandro il Grande, disponibile in rete in formato PDF in ResearchGate. Buona lettura, per chi gli articoli li vuole leggere davvero!

    "Mi piace"

    1. Buongiorno professor Damiani,
      sono Elena e sono molto contenta che abbia trovato il mio blog!
      Prima di tutto mi deve scusare per l’errore riguardo a quanto ho scritto che lei ne “La piccola morte di Alessandro il Grande” sostenga che Alessandro morì di malaria: questo errore è solo mio, la professoressa Hall non c’entra nulla perché non la cita in questo articolo. La citazione sbagliata è solo mia. Quando ho ricevuto l’articolo della Hall ho pensato di voler confrontare questa tesi con i libri che ho sulla morte di Alessandro, così ho dato un’occhiata veloce al suo libro e a quello del professor Caremani, ma purtroppo nella fretta ho sbagliato perché non li ho ancora letti. Quindi l’errore è solo mio. Ho già corretto questo articolo e mi scuso ancora con lei!
      Non ho ancora letto “L’afonia terminale di Alessandro il Grande”, mentre invece ho letto “La morte di Alessandro Magno: un caso di studio”. Sto raccogliendo moltissimo materiale su Alessandro e piano piano voglio leggere tutto.
      Mi scuso ancora e la ringrazio per il suo contributo. Le auguro una buona domenica, Elena

      "Mi piace"

  2. Cara Elena,
    grazie per la sua rapida risposta e per la correzione. In effetti, non trovando più citata la malaria, pensavo di avere letto male. L’afonia terminale è il seguito de La piccola morte, nel quale dimostro che il termine afonia è un termine tecnico usato dalla medicina greca da Ippocrate in poi, e commentato da Galeno, per indicare un’alterazione dello stato di coscienza, che ovviamente impedisce di parlare. Quando avrà letto il lavoro, che ho presentato all’Accademia Galileiana di Padova, mi faccia sapere i suoi commenti, li aspetto con sincera curiosità.
    Buona domenica a lei, le ho scritto stamattina presto prima di andare a correre, è stata una buona corsa, sono contento.
    Cordialmente,
    Ernesto Damiani

    "Mi piace"

  3. Gentile Signora Elena,
    le segnalo l’articolo dello storico della Medicina Francesco Maria Galassi “Tutte le ipotesi sulla morte di Alessandr Magno”, pubblicato sul Corriere della Sera del 2 febbraio 2019, reperibile sil sito di pressreader, in cui è discussa anche l’ipotesi della Hall.
    Cordiali Sakuti.
    Ernesto Damiani

    Piace a 1 persona

    1. Buongiorno professor Damiani, scusi se le rispondo solo ora! La ringrazio della sua segnalazione! Avevo acquistato la Lettura con quell’articolo infatti ne ho parlato qui https://alessandroiiidimacedonia.wordpress.com/2019/02/09/segnalazione-uscite-tuttolibri-e-la-lettura/
      Non ho ancora avuto tempo purtroppo di scrivere il mio pensiero sull’articolo ma ce l’ho!
      Grazie mille anche di seguire il mio blog, mi fa molto piacere averla tra i miei lettori!
      Le auguro una buona giornata,
      Elena

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.