1. Novels, 1.4 Contemporary Fiction, Alexander - Fiction Book, Alexander's Alexandria

Recensione libro/Collaborazione: “Alèxandros, storia senza luce” di Francesco Palma

English review: HERE.

Buongiorno a tutti, oggi dopo un periodo di pausa che è stato più lungo di quanto pensassi dalle letture su Alessandro, sono molto contenta di poter aggiungere questa recensione alla mia bibliografia su Alessandro Magno. Vorrei ringraziare l’editore per avermi inviato la copia affinché potessi recensire questo bellissimo romanzo! Oggi vi parlo di:

Alèxandros, storia senza luce” di Francesco Palma edito da Leonida Edizioni

Esistono persone affette dallo xeroderma pigmentosum, una rara malattia della pelle, che li costringe a una vita senza luce e opposta a quella delle masse. Il romanzo narra la storia di Alèxandros, un ragazzo greco affetto dallo xeroderma che, sopravvissuto alla malattia, abbatte la barriera del dolore grazie all’amore di Cecilia, una ragazza italiana, anche lei affetta dalla stessa malattia. Dai due nasceranno l’idea di un progetto culturale irrealizzabile e un figlio, che li uniranno per sempre, anche dopo la morte di Cecilia. Rimasto da solo, Alèxandros fornirà educazione e benessere al figlio che crescerà e quando entrerà nella vita passata di sua madre, troverà qualcosa che risveglierà l’attenzione di suo padre verso la Storia: il progetto di mettersi sulle tracce del corpo di Alessandro Magno che condurrà padre e figlio verso l’emozione più grande che un uomo possa provare. 

4 stelle.

Letto dal 30 al 31 luglio 2019.

Questa lettura mi ha sorpresa per diversi motivi: ho scoperto questa casa editrice e questo autore nel migliore dei modi perché è stata una lettura bella, coinvolgente ed emozionante.

Il protagonista è Alèxandros, un ragazzo che vive a Tessalonica ed è affetto dallo xeroderma pigmentosum, rara malattia che non gli permette di esporsi alla luce diretta del sole in quanto il suo corpo non è in grado di produrre gli enzimi che combattono l’esposizione ai raggi ultravioletti. Inoltre non può esporsi alle luci troppo forti e per spostarsi e in casa deve adottare tutta una serie di precauzioni per prevenire danni più gravi. Fin dalla sua nascita Alèxandros scambia il giorno con la notte, così si protegge in maniera involontaria dai raggi solari, così i genitori benestanti Alexis e Iris assumono una tata, Berenice affinché possa essere accudito nelle ore notturne. I due legano subito, complice il fatto che il bambino passa la maggior parte del suo tempo di veglia proprio con la tata. Finché la vita di questo bambino già sfortunato viene sconvolta ulteriormente perché rimane orfano dei genitori a causa di un incidente d’auto. Così Berenice adotta il bambino e lo cresce insieme a sua figlia Iris, rimasta orfana di padre e che ha circa la stessa età di Alèxandros. Seguiremo il protagonista fino a quando diverrà uomo, marito di Cecilia (una ragazza italiana affetta dalla sua stessa malattia) e padre di un bambino che erediterà anch’egli la passione per Alessandro Magno anche se resterà orfano di madre dalla nascita. Dalla prematura morte di Cecilia, infatti, i due saranno animati dal bisogno di svelare il mistero della tomba di Alessandro di cui Cecilia stessa propose una nuova ed interessante ipotesi.

Il parallelismo continuo che l’autore fa tra Alèxandros e Alessandro secondo me è pienamente riuscito. Ok, ormai sappiamo tutti che quando si tratta di Alessandro non sono obiettiva, ma quando un libro è scontato o scritto male lo so e lo dico e non è questo il caso. Dicevo, ho trovato molti parallelismi tra i due e sono:

  • Berenice può essere facilmente accostata a Olimpiade: entrambe le donne hanno un legame molto profondo e protettivo nei confronti del figlio;
  • nel padre adottivo Dimitri può essere ritrovato Filippo: entrambi danno ai figli lezioni di vita, saggezza, importanti consigli e li educano allo sport;
  • Alèxandros è come Alessandro anche nella ricerca dei genitori naturali: Alessandro volle farsi riconoscere come figlio di Zeus/Ammone mentre Alèxandros vuole riscoprire le sue origini facendo luce sull’incidente che causò la morte dei genitori e inoltre i due hanno lo stesso senso di giustizia e di vendetta;
  • il nome della sorellastra Clio richiama la musa greca della storia.

Alèxandros, che con la nascita del figlio omonimo prende il diminutivo Alex, e appunto il figlio Alèxandros hanno destini comuni: quello di rimanere orfani molto piccoli e questa condizione li legherà in particolar modo agli affetti restanti. L’autore ha studiato numismatica e si vede, anche se non ne so abbastanza per dire se le teorie che elabora sono realistiche e fondate oppure no. Comunque mi è piaciuto. Il finale, e con finale intendo proprio l’ultimo pezzetto, mi è sembrato un pelo troppo fantasioso, ma ci sta. Però avrei voluto saperne un pochino di più su Berenice e Dimitri.

Una riflessione che mi viene spontanea dato la trama ma che non vi svelerò è: cosa penserebbe Alessandro dei giorni nostri? In un mondo di livellamento culturale come il nostro, dove tutto conta solo quando viene messo in mostra sui socia networks, cosa penserebbe una mente straordinaria come la sua? E se qualcuno riuscisse veramente a trovare il suo soma, la sua fama continuerebbe a perdurare per altri 2000 anni o andrebbe scemando?

Come sempre, QUI trovate gli aforismi del libro 🙂

Ecco infine il link alla pagina della Casa Editrice: QUI

Ancora un profondo ringraziamento all’editore per avermi mandato questo bellissimo libro nel quale spero di avervi fatto incuriosire!

5 pensieri su “Recensione libro/Collaborazione: “Alèxandros, storia senza luce” di Francesco Palma”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.