1. Novels, 1.1 Historical Novels, Alexander - Fiction Book, Alexander's Alexandria

Recensione Libro / Collaborazione: “L’Odissea di Alessandro” di Yvan Argeadi

Aforismi: QUI.

English review: HERE.

Buongiorno a tutti, siete su Alessandro III di Macedonia- la tua risorsa su Alessandro Magno. Ieri sera ho finalmente letto un libro che ero curiosa di leggere perché è di un autore che mi aveva già sorpreso. Oggi vi parlo di:

L’Odissea di Alessandro

Yvan Argeadi

YA Publishing, 2020, 136 pagg.

ISBN: 978-8835386360

Nel 332 a.C. dopo aver conquistato con la forza tutta l’Asia Minore, Alessandro Magno giunse in Egitto, dove nonostante la reputazione di distruttore che si era costruito, venne accolto come un liberatore. Come le fonti storiche riportano, sostando nella terra dei Faraoni il giovane Re intraprese un viaggio spirituale che lo costrinse ad affrontare i demoni del suo passato, esperienza da cui emerse umanamente cambiato. La vera storia dell’avventura in Egitto di Alessandro, e non solo…

Classificazione: 5 su 5.

Reading time: 15 maggio 2020 (letto alla sera, dopo cena)

Prima di tutto desidero ringraziare Yvan per la copia omaggio, per la dedica, per la sua disponibilità e cortesia e anche per un’altra cosa che troverete più sotto.

Questo è il secondo libro che leggo di Yvan infatti, qualche mese fa vi avevo recensito “La prima battaglia di Alessandro” e, come l’altra volta, anche questo libro mi è piaciuto moltissimo. Con un salto in avanti di sei anni rispetto ai fatti principali nel libro prima, Yvan mi conferma di essere uno scrittore di talento, un grande appassionato e ammiratore di Alessandro, che conosce la sua storia e si insinua in essa ritagliandosi uno spazio per parlare di eventi più introspettivi.

Yvan ci racconta dell’Alessandro uscito vincitore dalle prime due battaglie con Dario, ora in viaggio verso l’affascinante Egitto, dove gli antichi Faraoni erano considerati divinità e dove all’oasi di Siwa presso l’Oracolo di Ammone, Alessandro cercherà la sua definitiva legittimazione divina. Con essa potrà regnare non solo più grazie all’appoggio dei guerrieri macedoni ma, diventando figlio del Dio, sarà in grado di iniziare quel processo di fusione e cosmopolitismo che voleva imprimere al suo dominio sull’Ecumene e che poi realizzò in diversi modi, anche se poi la sua prematura scomparsa fece vanificare tutto.

In questo libro, come nel precedente, non mancano episodi di cameratismo e umorismo tra gli amici e comandanti di Alessandro, la seppur distante Olimpiade riesce ad insediarsi nel racconto ma è giusto così, perché anche da lontana ebbe una profonda influenza su Alessandro. Quello che contraddistingue questo libro rispetto al primo è che vediamo un Alessandro più maturo, più consapevole di cosa e dove vuole arrivare e soprattutto lo vediamo alle prese con quella che diventerà sua moglie: la principessa Statira, figlia di Dario. Il rapporto tra i due è rispettoso della tradizione anche se, giustamente, Statira è qui maggiormente delineata con un carattere curioso e determinato visto l’importanza che ha nella storia. Attraverso i momenti con lei e con Efestione capiamo quelli che sono i progetti futuri di Alessandro ma per arrivare a compierli dovrà superare due ostacoli: uno è affrontare i suoi stessi demoni, le sue paure e incertezze che ancora si porta con sé e l’altro è non lasciarsi comandare e definire dalla vecchia guardia, dai generali e amici che combatterono già con Filippo e che ora dimostrano di non essere al passo coi tempi e di ragionare secondo canoni ormai superati. Alessandro riuscirà in tutto questo e troverà quello che cerca nell’Oracolo di Ammone. Un altro dettaglio molto bello è che l’autore ha inserito nel testo delle frasi attribuite ad Alessandro.

Questo libro si legge velocemente, l’ho letto ieri sera dopo cena, però è più lungo dell’altro – e mi fa molto piacere! – ma resta comunque incisivo, scorrevole e bello. Ti intrattiene e ti emoziona restando fedele alla realtà. Sì, ci sono delle piccole variazioni rispetto ad essa, ad esempio si dice che la giovane Euridice è la seconda moglie di Filippo, che Statira è la prima moglie di Alessandro ma, conoscendo ormai un po’ l’autore, posso dire che questi piccoli cambiamenti sono stati fatti con lo scopo di dare più enfasi al racconto senza voler cambiare la storia o non esserne fedeli. La copertina è realizzata dall’autore e secondo me è azzeccata perché riflette il “primo Alessandro” che leggiamo, quello che ancora era solo il distruttore e non creatore.

Qual è il migliore tra i due libri? Non lo so, secondo me non ce n’è uno migliore e uno peggiore, entrambi dimostrano lo stile dell’autore, narrando due spaccati della vita del grande Alessandro e inizio a sperare che piano piano l’autore ci regali tanti piccoli tasselli, tante piccole tessere del mosaico della vita di Alessandro e mi auguro che prenderà in considerazione quest’idea perché secondo me sarebbe bellissima. Non riesco ad essere oggettiva in questi casi, ma quando un autore è rispettoso della storia e del personaggio, quando non cerca di sfruttare il nome di Alessandro Magno solo per vendere di più, ma la sua scrittura trasuda dell’ammirazione che prova per lui, il tutto condito da uno stile pulito, incisivo, non volgare e delineato, allora non può non piacermi. L’avevo capito col primo libro di Yvan e con questo secondo ne ho la certezza. Io ormai sono sicura che qualsiasi cosa questo autore scriverà su Alessandro, sui Diadochi o sui genitori, io voglio leggerla, sperando di restare lucida il più possibile per scrivere una recensione che possa definire sincera. Questo autore mi ha trasmesso tante emozioni e alla fine di questo libro mi sono commossa – perché purtroppo mi capita spesso nel leggere la fine della vita di Alessandro anche se non sempre.

Questo libro anche se è più lungo del precedente, finisce troppo presto! Essendo più lungo dell’altro, l’Odissea – almeno nel formato cartaceo perché è quello che ho letto e di cui posso parlare – è impaginato in modo molto migliore. È anche accompagnato da cinque appendici: fonti storiche testuali; arringhe; un approfondimento sul Dio Ammon; il glossario dei termini e curiosità storiche; le citazioni storiche. Non mancano la biografia dell’autore, i ringraziamenti e un ultimo piccolo estratto del racconto della vita di Alessandro. Ma nei ringraziamenti c’è anche qualcosa dedicato a me:

Yvan mi ringrazia, ma sento di essere io a dover ringraziare lui: mi ha mandato i due libri e tutte le volte che gli ho rotto le scatole per chiedergli informazioni o aggiornamenti sui libri ho trovato una persona felice e disponibile di parlare. Nei ringraziamenti Yvan dice che Diletta, la sua compagna, e io lo abbiamo spinto a continuare a scrivere su Alessandro e spero che continui ancora a farlo! Non vi nascondo che è la prima volta che vedo pubblicati su carta stampata dei ringraziamenti dedicati a me personalmente e fa piacere, davvero moltissimo, ma sono sincera in quello che scrivo. Per chi mi segue bene sa che se devo dire che un libro non mi piace lo faccio, ma allo stesso tempo voglio dire quando mi piace senza farmi problemi.

Cos’altro posso dire? Se non avete ancora letto questo e anche l’altro libro di Yvan prendeteli, sono disponibili entrambi ad un prezzo contenuto sia in formato cartaceo che digitale in tutti gli store on-line e nelle migliori librerie. Conoscerete la penna di un autore appassionato che secondo me non vi farà pentire dell’acquisto.

Vi lascio il link della Pagina Facebook dell’autore e spero davvero molto di darvi la possibilità di leggere altre recensioni ai libri di Yvan in futuro!

Buon sabato a tutti,

#copiaomaggio #prodottooffertoda Yvan Argeadi

11 pensieri su “Recensione Libro / Collaborazione: “L’Odissea di Alessandro” di Yvan Argeadi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.