17. Anthologies - Collections of Themes, Alexander - Non Fiction Book, Alexander's Alexandria

Recensione Libro – Collaborazione: “Breve storia dei capelli rossi” di Giorgio Podestà

Buongiorno a tutti, grazie di essere su Alessandro III di Macedonia! Oggi vi parlo della mia piccola e curiosa lettura perché vi parlo di:

Breve storia dei capelli rossi

di Giorgio Podestà

Graphe.it Edizioni, 2020

ISBN: 978-8893721110, pagg. 82

Per chi li ha, e per chi li ama, i capelli rossi sono in primo luogo un oggetto di curiosità. Perché sono diversi, insoliti, rari. Probabilmente per questa ragione intorno al rutilismo si sono create leggende e superstizioni spesso poco amichevoli verso le chiome fulve, che il folklore (europeo e non solo) considerava indice di malvagità e inaffidabilità.

Incuriosito lui per primo dalla questione, l’autore ha voluto indagare da dove provengano, geneticamente, le teste ramate, quanto siano diffuse nel mondo, a quali altre caratteristiche fisiche questo colore sembri misteriosamente legato (per esempio, l’odore della pelle o la soglia del dolore); ma si è anche divertito a ricercare nella storia, nell’arte e nel mondo della moda e dello spettacolo tutti i più celebri «pel di carota» raccontandoci come abbiano – più o meno orgogliosamente – sfoggiato la propria sfumatura naturale, talvolta al punto da farne una vera icona di stile.

Giorgio Podestà, nato in Emilia, si occupa di moda, traduzioni e interpretariato. Dopo la laurea in Lettere Moderne e un diploma presso un istituto di moda e design, ha intrapreso la carriera di fashion blogger, interprete simultaneo e traduttore. Appassionato di letteratura italiana, inglese e americana del secolo scorso, ha sempre scritto poesie, annotandole su quadernini che conserva gelosamente. Con Graphe.it edizioni ha pubblicato la raccolta poetica E fu il giorno in cui abbaiarono rose al tuo sguardo.

Classificazione: 3 su 5.

Reading time: dal 10 all’11 gennaio 2021.

Ho ricevuto questo libro dall’editore che ringrazio moltissimo in cambio di un’onesta recensione.

Felice chi è diverso
essendo egli diverso.
Ma guai a chi è diverso
essendo egli comune.

Sandro Penna

Questo libretto è una carrellata di personaggi storici, famosi, di fantasia, di persone tinte dai capelli rossi. Dopo una breve introduzione l’autore espone una breve storia del rutilismo e descrive il popolo che per primo nell’antichità sembra avere questo gene per primo, poi passa a narrare di opere d’arte e nella letteratura con protagonisti dai capelli ramati, ma anche di modelle. I capitoli più interessanti sono gli ultimi due perché al di là dell’elenco di persone e personaggi rossi parla di curiosità e scienza. Chiudono il libro una lunga lista di personaggi italiani dai capelli rossi, bibliografia, sitografia, illustrazioni e indice. Segnalo anche la presenza delle cartine dell’incidenza dei capelli rossi nel mondo, in Europa, in Italia e del 45° parallelo Nord.

È interessante notare come nel corso della Storia le persone dai capelli rossi siano state viste in modo sempre ambivalente: positivo, perché il diverso da una parte attrae “una diversità destinata a spiccare, a diventare subito strumento di seduzione. Simbolo di una femminilità ineffabile. Di un richiamo a cui è impossibile resistere” (pag. 39), ma dall’altra negativo perchè spaventa “paura e diffidenza mettono nell’umanità di ogni tempo e latitudine radici lunghe e ramificate” (pag. 60). Le curiosità elencate da Podestà sono molte e interessanti, di alcune avevo già letto mentre di altre no. Gli aneddoti sono moltissimi e tra i più svariati, dal sacro al profano, dalla cultura all’intrattenimento, dalla storia alla fantasia. Chi vuole leggere un libro scorrevole e non impegnativo sui capelli rossi in questo libro saprà soddisfare la sua curiosità.

Podestà parla anche di Alessandro Magno e di Olimpiade (pagg. 20-21, nel complesso una paginetta) ed è questo il motivo che mi ha spinta a voler leggere questo libro, purtroppo però l’autore commette un errore e non approfondisce abbastanza la sua ricerca su Alessandro perché sbaglia il nome dell’archeologo che cita: non è Andrew Chang ma Andrew Chugg e quest’errore è dovuto al fatto che Podestà cita un articolo di Francesco De Palo uscito su Il fatto quotidiano. Sbaglia De Palo a scrivere il nome e sbaglia Podestà nel riportarlo, come sbagliano anche altri articoli italiani che riportano la notizia secondo cui secondo l’archeologo Chugg nella Tomba di Amfipoli sarebbe sepolta Olimpiade. Quest’errore è limitato agli articoli italiani perché in quelli inglesi non c’è. Non è un errore grave, non cambia il valore del libro, ma denota una certa leggerezza nel lavoro di ricerca dell’autore. Sono stata un po’ delusa che ci fosse un errore proprio sull’argomento a me tanto caro. Un altro riferimento che ci interessa è quello a Cleopatra VII, quella di Marco Antonio e Cesare (pag. 41), che sembra abbia avuto anche lei i capelli rossi. Podesà in questo caso cita un articolo scritto da Neil R. Scott che ha raccolto le sue ricerche sui capelli rossi nel libro An Esoteric History of Red Hair (Independently published). Questa fonte però ci dice qualcosa in più di Podestà perché afferma che Cleopatra usava tingersi i capelli con il colorante vegetale henna per essere alla moda del tempo e avere i capelli rossi.

Nel complesso è una lettura che sono stata contenta di aver fatto perché sebbene la parte su Alessandro Magno sia piccola – ma non mi aspettavo diversamente perché non è su Alessandro – tutte le curiosità sono interessanti e si legge con piacere. Avrei preferito che fosse stato più lungo e più dettagliato sarebbe stato meglio perché più completo.

Desidero ringraziare ancora una volta l’editore per la copia!

INDICE:

Introduzione

Uno sguardo alla storia dei capelli rossi
Alcuni personaggi famosi con i capelli rossi
Il rosso nell’arte e nella letteratura
I capelli rossi nell’arte
Lo sguardo della letteratura sui capelli rossi

Quando la moda vede rosso
La riscossa dei rossi
Cosa dice la scienza sui capelli rossi
Conclusioni

APPENDICE
Non solo Milva: italiane e italiani rossi e famosi

Bibliografia, sitografia, illustrazioni

Grazie a tutti,

#copiaomaggio #prodottooffertoda Graphe.it Edizioni

1 pensiero su “Recensione Libro – Collaborazione: “Breve storia dei capelli rossi” di Giorgio Podestà”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.