2. Hellenism, 2.01 Hellenistic Culture, Hellenism: Non-Fiction Book, Reviews

Recensione: “Gli inganni di Cleopatra. Fonti per lo studio dei profumi antichi” di Giuseppe Squillace (Collaborazione)

Buongiorno a tutti sono Elena e vi ringrazio di essere su Alessandro III di Macedonia, blog su Alessandro Magno e l’Ellenismo. Oggi ho il piacere di parlarvi di un testo uscito da poco, un saggio che interesserà i più curiosi di voi e che è una lettura estremamente interessante:

Gli inganni di Cleopatra. Fonti per lo studio dei profumi antichi

di Giuseppe Squillace

Casa Editrice Leo S. Olschki, 2022

ISBN: 978-8822268129, X-194 pp.

Biblioteca dell’«Archivum Romanicum». Serie I: Storia, Letteratura, Paleografia, vol. 520

Lo studio dei profumi antichi e, in senso più generale, di piante aromatiche e spezie, rimane marginale nelle indagini sul mondo antico e, in alcuni casi, è ritenuto soltanto un mero divertissement. E invece esso consente di aprire uno squarcio sulle società antiche, sulle abitudini della gente, sulla loro quotidianità. Una vita di tutti i giorni scandita non solo dalle ‘notizie dal fronte’ e dalle preoccupazioni per l’esito e gli effetti dei tanti, continui, conflitti, ma fatta anche di abitudini e routine, come la visita al mercato dell’agora e alle sue botteghe, le discussioni non solo ‘alte’ ma anche ‘normali’ e ‘frivole’, l’acquisto di unguenti profumati di cui uomini e donne erano soliti cospargersi.

The study of ancient perfumes and, in a more general sense, of aromatic plants and spices, remains marginal in the investigation of the ancient world and, in some cases, is considered only a mere divertissement. On the contrary, it allows us to open a glimpse on ancient societies, on people’s habits, on their daily life. An everyday life marked not only by the ‘news from the front’ and by the worries about the outcome and the effects of the many, continuous conflicts, but also made of habits and routines, such as the visit to the agora market and its stores, the discussions not only ‘high’ but also ‘normal’ and ‘frivolous’, the purchase of perfumed ointments with which men and women used to sprinkle themselves.

Giuseppe Squillace è Professore Associato di Storia Greca presso l’Università degli Studi della Calabria (Rende). Vincitore di numerose borse di studio all’estero (Alexander von Humboldt; Gerda Henkel; DAAD), ha rivolto i suoi interessi di ricerca prima verso i motivi propagandistici impiegati da Filippo II e Alessandro Magno, poi verso la medicina e la profumeria nel mondo antico. Su questi temi ha pubblicato numerosi studi tra i quali figurano Basileis o Tyrannoi. Filippo II e Alessandro Magno tra opposizione e consenso (Rubbettino 2004); Filippo il Macedone (Laterza 2009); Menecrate di Siracusa. Un medico del IV secolo a.C. tra Sicilia, Grecia e Macedonia (Georg Olms 2012); I giardini di Saffo. Profumi e aromi nella Grecia antica (Carocci 2014); Le lacrime di Mirra. Miti e luoghi del profumo nel mondo antico (Il Mulino 2015); I balsami di Afrodite. Medici, malattie e farmaci nel mondo antico (Aboca 2015); Filistione di Locri. Un medico del IV secolo a.C. tra Grecia, Magna Grecia e Sicilia (Georg Olms, Hildesheim 2017).

INDICE:

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. VII
Testi

  1. Gli inganni di Cleopatra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 3
    1.1. Un banchetto ineguagliabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 3
    1.2. Le vele profumate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 8
    1.3. L’inganno della perla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 10
  2. Miti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 13
    2.1. La storia di Mirra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
    2.2. La storia di Dafne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
    2.3. La leggenda dell’Araba Fenice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 16
  3. Aneddoti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 19
    3.1. Annibale e gli ozi campani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 20
    3.2. La morte di Caio Plozio Planco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 20
  4. La geografia degli odori: l’Arabia EUDAÍMON/FELIX . . . . . . . » 23
  5. L’arte della profumeria nel mondo greco e romano . . . . » 29
  6. Le ‘mode’ dei profumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 49
  7. I principali ingredienti aromatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 53
    7.1. Pepe e Zenzero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 54
    7.2. Chiodo di garofano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 56
    7.3. Bdellio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 56
    7.4. Costo e Nardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 58
    7.5. Amomo a grappoli e Cardamomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 60
    7.6. Incenso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 62
    7.7. Mirra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 70
    7.8. Cinnamomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 72
    7.9. Cassia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 80
    7.10. Balsamo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 82
    7.11. Rosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 86
    7.12. Croco/Zafferano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 90
    7.13. Iris . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 92
  8. Profumi e medicina: alcune ricette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 97
    8.1. Profumo/Olio di Rosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 98
    8.2. Profumo/Olio di Mela Cotogna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 100
    8.3. Profumo/Olio di Enante – Vite selvatica . . . . . . . . . . . . . . » 100
    8.4. Profumo/Olio di Narciso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 100
    8.5. Profumo/Olio di Croco-Zafferano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 102
    8.6. Profumo/Olio Megálleion . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 104
    8.7. Profumo/Olio di Galbano detto Metópion . . . . . . . . . . . . » 104
    8.8. Profumo/Olio detto Mendésion . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 106
    8.9. Profumo/Olio di Mirra stakté . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 106
    8.10. Profumo/Olio di Cinnamomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 106
    8.11. Profumo/Olio di Nardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 108
    8.12. Kýphi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 110
  9. Iscrizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 113
    9.1. Epigrafe di Sanatio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 114
    9.2. Thurarii e unguentarii nella documentazione epigrafica di Roma . . . » 114
  10. Il profumo come motivo di scherno o causa di disprezzo » 119
    10.1. I profumi di Cosmo e Nicerote . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 120
    10.2. Il disprezzo dei profumi e del lusso . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 122
  11. Profumi per uomo, profumi per donna . . . . . . . . . . . . . . . . » 129
  12. Profumi e banchetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 133
    12.1. Un banchetto aristocratico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 134
    12.2. Gli eccessi del liberto Trimalcione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 134
  13. Aromi in cucina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 139
    13.1. Una ricetta di Archestrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 140
    13.2. Ricette aromatiche del cuoco Apicio . . . . . . . . . . . . . . . . . » 140
  14. Personaggi bizzarri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 145
    14.1. Antioco IV Epifane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 146
    14.2. L’imperatore Eliogabalo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 146
  15. Le città, i quartieri e le vie del profumo . . . . . . . . . . . . . . » 151
    15.1. L’agorà di Atene: le botteghe del profumiere Atenogene . . . » 152
    15.2. Il quartiere di Seplasia a Capua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 154
    15.3. Il commercio di profumo/seplasium . . . . . . . . . . . . . . . . » 156
    15.4. Le vie del profumo a Roma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 158

Cartine
Le regioni aromatifere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 163
Tavole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 173
Unità di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 175
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 177
Indice delle fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 183
Indice dei nomi, dei luoghi e delle cose notevoli . . . . . . . . . » 185
Indice dei profumi e dei termini tecnici nell’arte della profumeria . . . . . » 187

Classificazione: 4 su 5.

Reading time: dal 19 al 20 aprile 2022.

Desidero ringraziare l’ufficio stampa dell’editore Leo S. Olschki per la copia recensione omaggio!

Questo libro del professor Squillace va a completare la riedizione uscita due anni fa de Il profumo nel mondo antico. Con la traduzione italiana del «Sugli odori» di Teofrasto perché se quello ruotava intorno a Teofrasto questo ne amplia le vedute e va ad aggiungere ciò che ancora mancava. Questa raccolta di fonti greche e latine con testo originale e traduzione italiana è pensata più che altro per scopi didattici ma vuole dare profumo alla storia antica che spesso è limitata ai sensi di vista e udito. Il lavoro di ricerca del professor Squillace vuole esprimere il potere del profumo e quale regina antica è più nota di Cleopatra (VII) per saperli usare a proprio vantaggio? Infatti:

“La forza persuasiva degli odori declinati nella forma di preziose essenze in grado di conquistare il senso più primitivo dei suoi interlocutori predisponendoli benevolmente verso la regina.”

Le ricerche in questo campo sono partite dalla Francia per poi svilupparsi anche nel Regno Unito, in Germania e in Italia. Il prof. Squillace spera di sensibilizzare il pubblico a questo affascinante tema e io aggiungerei che egli ha dato un grande contributo nel nostro Paese perché la scua scrittura ha il grande pregio di essere interessante e curiosa per il grande pubblico mantenendo allo stesso tempo la qualità degli scritti accademici e anche il rigore tecnico e metodologico che sono fondamentali per la ricerca.

La prima parte è proprio dedicata a Cleopatra, o meglio a come si servì anche dei profumi per ottenere ciò che voleva e mostra come fosse avvezza al lusso più sfrenato. Nella seconda vengono presi in esame alcuni testi mitologici che accostano la morte in gioventù alle piante aromatiche e tra esse è narrata la leggenda dell’Araba Fenice che mi affascina molto tratta dalle Metamorfosi di Ovidio. Segue la terza parte dedicata agli aneddoti legati ai profumi perchè si riteneva che infiacchissero le coscienze e la virtù di uomini e soldati. La quarta parte riguarda le regioni che producevano piante aromatiche; la quinta riguarda l’arte della profumeria nel mondo greco e romano e analizza i testi di Teofrasto e Plinio il Vecchio. Da notare il caso del rhódinon usato dai profumieri sui clienti che non comprano nulla così non sentiranno i profumi presso i loro concorrenti. Plinio il Vecchio nella Storia Naturale XIII 1 ci parla di Alessandro perché con le sue conquiste avvennero anche importanti scoperte:

“L’uso del profumo va fatto risalire ai Persiani. Costoro ne sono impregnati e ricorrono a esso come espediente per estinguere il fetore causato dal loro sudiciume. La prima attestazione che io ne abbia trovato si riferisce a quando Alessandro [Magno], dopo avere espugnato l’accampamento del re Dario, fra tutti gli altri oggetti che formavano la dotazione reale, s’impadronì di un cofanetto di profumi. In seguito, il piacere derivante dal loro uso fu annoverato anche da noi Romani fra i beni più eleganti della vita, e persino che danno più decoro, ed essi cominciarono a rappresentare un appropriato tributo onorifico anche per i morti.”

E in XIII 4 afferma: “Questa è la materia di un lusso che tra tutti è il più vano. Infatti le perle e le gemme per lo meno passano agli eredi, le vesti durano nel tempo, i profumi si dissolvono istantaneamente e muoiono appena nati. Il loro massimo pregio consiste nel fatto che, quando passa una donna, la sua scia attira anche chi è affaccendato in tutt’altre cose. Il loro costo supera i 400 denari la libbra: ecco a quanto si compra il piacere altrui, visto che chi è profumato non si accorge di esserlo.” Nella sesta parte si parla della nascita e della sopravvivenza delle fragranze che erano legate agli equilibri politici, infatti Arsinoe II e Berenice II che manifestarono interesse per Alessandria si svilupparono anche i suoi profumi. Nella settima parte si parla degli ingredienti aromatici e delle loro contraffazioni ed è sorprendente come e quanto usavano la rosa al tempo. È riportato anche l’episodio tra Alessandro e Leonida riguardo l’uso dell’incenso, poi che dalla penisola arabica sia arrivato alle flotte del Conquistatore il profumo sotto il sole di mezzogiorno e in Giudea si raccoglieva molto opobalsamo nelle giornate estive. Nell’ottava parte dai testi di Dioscoride di Anazarbo si esamina l’utilizzo degli oli aromatici in ambito medico. Nella nona ci sono alcune iscrizioni che testimoniano in Grecia le guarigioni miracolose e la grande presenza romana dei profumieri. Nella decima si parla dei profumi che sono motivo di scherno o disprezzo perché spesso usati da donne depravate o prostitute e da uomini corrotti e nel testo riportato di Giovenale la donna non ne esce molto bene. Nell’undicesima si distinguono profumi per gli uomini e quelli per le donne; nella dodicesima ci si concentra sui banchetti perché è uno degli ambiti privilegiati dell’uso dei profumi; nella tredicesima si parla degli aromi usati in cucina; nella quattordicesima si parla di due personaggi singolari, Antioco IV Epifane e Eliogabalo perché furono famosi per l’uso e abuso di oli costosissimi; nell’ultima parte, la quindicesima, si parla delle “vie del profumo”, ovvero dei quartieri con i negozi dei profumieri. Alla raccolta di testi fanno seguito sette cartine, undici fotografie a colori, le unità di misura, la bibliografia, l’indice delle fonti, l’indice dei nomi, dei luoghi e delle cose notevoli, e l’indice del libro.

Ogni parte ha un’introduzione descrittiva ed esplicativa, i testi greci e latini sono tutti tradotti in italiano e ci sono anche le note a piè pagina che offrono ulteriori spiegazioni e i testi in cui è possibile approfondire l’argomento. Il profumo nel mondo antico è un libro dalla tematica più ristretta riguardo al profumo, alle caratteristiche delle piante e al loro impiego, mentre invece Gli inganni di Cleopatra ha una veduta più ampia sulla società e dei suoi usi di profumi e di oli. Un libro non esclude l’altro ma anzi si completano a vicenda. Non è necessario avere conoscenze specifiche o tecniche per apprezzare questi libri ma grazie ad essi il lettore si immergerà in un mondo antico più reale, più tangibile perché il tema del profumo a quel tempo non viene affrontato così spesso. La ricerca del professor Squillace è importante perché vuole dare un’ulteriore dimensione all’antichità, com’è giusto che sia. Gli appassionati di Alessandro Magno inoltre non possono dimenticare che una diffusione simile dei profumi avvenne proprio grazie allo scambio culturale che Alessandro iniziò e che i Diadochi portarono avanti. Proprio per questo è un argomento che mi affascina e voglio saperne di più, quindi leggerò sicuramente gli altri libri del professor Squillace! Confermo ciò che avevo scritto nell’annunciare l’uscita di questo libro ovvero che la Casa Editrice Leo S. Olschki e il nome di Giuseppe Squillace sono due garanzie di qualità!

Potete trovare questi libro sul sito dell’editore QUI o ordinarlo via mail a orders@olschki.it al prezzo di 22 20,90 euro, ma lo trovate anche in qualsiasi libreria fisica o on-line nella sola versione cartacea.

Grazie a tutti, buona giornata,

#copiaomaggio #prodottooffertoda Casa Editrice Leo S. Olschki

1 pensiero su “Recensione: “Gli inganni di Cleopatra. Fonti per lo studio dei profumi antichi” di Giuseppe Squillace (Collaborazione)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.