Filatelia – Philately

In questa sezione trovate il materiale filatetico relativo ad Alessandro Magno & co. Più che altro ci sono francobolli su Alessandro ma c’è anche qualcosa su Filippo.

Se questa parte è così ricca di materiale lo devo unicamente a una persona, Luciano Calenda, Presidente Onorario del Centro Italiano di Filatelia Tematica (CIFT), che è stato gentilissimo e disponibile ad aiutarmi nel reperire il materiale. Dal poco che so di filatelia ho capito che si tratta anch’essa di una ricerca senza fine, quindi se aveste ulteriore materiale da segnalarmi, anche sui Diadochi, e voleste condividerlo inviatemelo e sarò contenta di aggiungerlo!

Prima del sommario del “mio piccolo archivio” lascio una breve spiegazione della Filatelia Tematica:

Tutti i collezionisti di francobolli hanno cominciato in giovane età raccogliendo i francobolli di tutto il mondo (quando ciò sembrava ancora possibile) o limitandosi (più realisticamente) ad uno o pochi paesi soltanto.
Questo modo di collezionare a lungo andare crea noia e frustrazione. Noia perché ci si stufa a vedere sempre gli stessi francobolli, sia pure ben ordinati e raccolti in un album, o a limitarsi a comprare le nuove emissioni ed inserirle nei fogli d’album preparati dalle ditte commerciali che poi vanno messi nei raccoglitori prodotti dalle stesse ditte. Poi si crea quella che è chiamata la ‘frustrazione della casella vuota’: il collezionista cerca sempre di completare il proprio album e va a ritroso nel tempo per procurarsi i francobolli più vecchi che, di norma, sono anche i più costosi. E quasi sempre, a meno che non abbia disponibilità economiche smisurate, egli si blocca davanti ai vuoti lasciati dal quelle due/tre dozzine di francobolli che non potrà mai avere perché troppo costosi! Queste due situazioni, che sono sempre accoppiate, causano il più delle volte un senso di stanchezza per cui il collezionista comincia a perdere interesse fino a mollare il tutto.
Il rimedio a ciò è quello di ‘personalizzare’ la propria raccolta, di trovare nuovi stimoli e collezionare francobolli in modo diverso. Molti si dedicano alla Storia Postale approfondendo lo studio delle tariffe o alla ricerca di cose particolari (varietà rispetto ai francobolli ‘tipo’, etc.). L’altro sistema, per chi ha un po’ più di fantasia, di voglia di ricercare e di spirito d’avventura è quello di puntare alla Filatelia Tematica.
Non c’è collezionista di francobolli che non abbia un qualsiasi altro interesse legato alla sua professione o ai suoi svaghi: il Cinema, la Letteratura, la Musica, il Teatro, la Natura, i Mezzi di locomozione, lo Sport, etc. etc. Ebbene, ognuno di questi argomenti può essere affrontato attraverso la filatelia tematica! Non c’è campo dello scibile umano che non possa essere documentato con materiale filatelico in modo più o meno vasto; basti pensare che esistono collezioni su “L’al di là”, “Le mani”, “L’Odissea”, “ I Funghi” e, molto recenti, perfino sul Covid 19.
Con la Filatelia Tematica la monotonia e la ripetitività non sono più di casa. Infatti, il collezionista in pratica inventa una sua storia e la documenta attraverso il materiale filatelico esistente. Quindi è una storia personale che non potrà mai essere uguale a quella di altri collezionisti (cosa cha avviene, invece, se tutti raccolgono Repubblica Italiana e mettono i francobolli negli stessi album: tante collezioni uguali…). Poi nella ricerca del materiale, poiché in ‘tematica’ valgono le illustrazioni o le parole, si può usare qualsiasi francobollo emesso da qualsiasi paese ed in qualsiasi epoca purché abbia quel certo disegno che serve per commentare quel certo argomento! Che bella differenza con i francobolli di un solo stato…! Inoltre, nella costruzione di una collezione tematica, è obbligatorio usare il maggior numero possibile di oggetti postali; quindi, non solo francobolli, ma anche annulli manuali ed automatici, interi postali (cartoline o buste prepagate), affrancature meccaniche (le impronte rosse di molta posta commerciale), e qualsiasi altro oggetto legato all’emissione di un francobollo (prove di stampa, di colore, etc.,). Anche qui c’è la massima varietà possibile. Insomma, il paragone che più facilmente rende l’idea è quello di un libro fotografico solo che le fotografie sono sostituite dal materiale postale e filatelico.
Infine, in Filatelia Tematica non esiste la parola ‘completezza’. Infatti si può sempre trovare un pezzo che non si conosceva, sia esso un francobollo o un annullo, per cui è quasi impossibile (a meno che l’argomento non sia molo circoscritto) poter affermare che “…si possiede tutto sul quel certo argomento…”. Poi si può sempre trovare una busta più bella o più preziosa per sostituire quella che si ha in collezione; si può sempre aggiungere qualche pagina di album nuova perché si vuole inserire un nuovo argomento o perché si vuole modificare un certo passaggio tematico: insomma è una collezione sempre viva e mai statica.
Infine, cosa da non poco conto, la Filatelia Tematica si può fare con qualsiasi budget a disposizione. Mi voglio solo divertire, ed allora uso materiale corrente; voglio partecipare a mostre e concorsi, allora cerco di procurarmi del materiale più raro. Insomma il bello di tutto ciò è che per commentare un certo passaggio tematico si può usare un francobollo da pochi centesimi o una busta viaggiata con lo stesso francobollo con annullo speciale da 200 euro; la valenza tematica è la stessa e cambia solo il valore del pezzo che ho deciso di inserire o che mi sono potuto economicamente permettere.
Penso di aver chiarito esaurientemente cosa sia la ‘Filatelia Tematica’ e quale sia lo spirito di un collezionista di francobolli che decide di raccogliere ‘per tema’.
Ha, dimenticavo un’altra cosa. Contrariamente a quanto si pensa, impostare una collezione in questo modo è più difficile che farne una in modo tradizionale ed è più difficile perché bisogna studiare a fondo un certo argomento e documentarsi su di esso. Ma, al tempo stesso, è anche molto, molto più divertente ed appagante perché si crea qualcosa di proprio, di unico…

Luciano Calenda

L’argomento “Alessandro Magno e Ellenismo” è già di per sè infinito, ma non vi nascondo che vorrei avere qualche francobollo su Alessandro. Immergersi nel mondo della Filatelia Tematica anche solo per questo tema “ristretto” è affascinante.

Le immagini del materiale filatelico sono state fornite dal CIFT (Centro Italiano di Filatelia Tematica) nella persona del suo Presidente Onorario Luciano Calenda.
Chiunque voglia avere informazioni sulla Filatelia Tematica in generale e sulle collezioni tematiche di qualsiasi argomento può contattare la persona citata all’indirizzo lcalenda@yahoo.it